CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Bardi: domani assemblea sulle cave di amianto

Bardi: domani assemblea sulle cave di amianto

19 Nov 2010

Presso il teatro Maria Luigia

Mente a Parma, lo scorso 13 novembre, è nata RETE AMBIENTE PARMA, che unisce comitati ed associazioni di cittaidni “che – si legge nel comunicato – si battono per difendere il prorpio territorio da uno sfruttamento insensato ed indiscriminato delle risorse”, domani mattina, alle ore 10, presso il teatro Maria Luigia di Bardi, si terrà una pubblica assemblea informativa, organizzata dal Comitato “Cave di amianto? No, grazie”, sul tema “l’amianto e le cave di pietre verdi – un probelma negato””. Numerosi e tutti qualificati i relatori che interverranno per discutere della tematica, molto dibattuta. “L’amianto - scrive in una nota il comitato - è presente in concentrazioni estremamente variabili in quasi tutte le cave di  “pietre verdi”.   La presenza del minerale è stata accertata in entrambe le cave in esercizio nel Comune di Bardi e in molte altre cave in esercizio nelle valli del Taro e del Ceno; la normale attività di estrazione trasporto e utilizzo della pietra provoca il rilascio in ambiente di una imprecisata quantità di fibre di amianto. L’amianto è potenzialmente talmente nocivo, indipendentemente dalla quantità e dalla durata dell’esposizione, che anche una sola fibra può rivelarsi letale; inoltre  per la sua estrema leggerezza si disperde con il vento anche a grandi distanze. Queste problematiche, note da anni, non sono mai state divulgate a livello locale e anche di questo chiediamo conto. Emerge quindi – conclude il comunicato - oltre che un problema sanitario, un problema di   opacità amministrativa e politica che non intendiamo più tollerare.”   Per maggiori dettagl guarda il Tg di RTA del 18/11
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papà Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in più occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole è assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto