CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Ridefinizione collegi elettorali: la montagna dice no!

Ridefinizione collegi elettorali: la montagna dice no!

10 Nov 2010

Intervento della Comunità montana delle Valli del Taro e del Ceno

La riduzione dei collegi provinciali  si ripercuote pesantemente sui Comuni montani. La conseguente proposta del Consiglio provinciale di ridefinizione dei collegi elettorali non convince i Comuni della Comunità Montana val Taro e Ceno, perché porta alla disgregazione di un territorio che, al contrario, lavora per unirsi; non si possono infatti aggregare comuni a economia a prevalenza industriale con altri a prevalenza agricola, o comuni di pianura con quelli montani.   In seguito alla recente proposta licenziata dal Consiglio provinciale riguardo la ridefinizione dei collegi elettorali, il Presidente della Comunità Montana Val Taro e Ceno e Sindaco di Varano de’ Melegari Luigi Bassi ha inoltrato, su mandato della Giunta, una lettera di dissenso al Prefetto di Parma Luigi Viana, nonché al Presidente della Provincia Luigi Bernazzoli e al Presidente del Consiglio Provinciale Mario De Blasi. Le maggiori perplessità sono emerse per quanto riguarda la ridefinizione, prevista dalla proposta, dei 24 collegi della provincia che, di fatto, non manterrebbe un’unitarietà territoriale e, anzi, provocherebbe addirittura uno smembramento della Valceno, rendendo impossibile ai comuni di crinale avere un rappresentante in Provincia. Inoltre la riduzione dei consiglieri provinciali porterebbe un ulteriore danno ai comuni più deboli e, proprio per questo, più bisognosi di rappresentanza. Questa proposta, inoltre, non tiene nemmeno conto delle caratteristiche geo-economico-sociali, che, come previsto anche dai criteri della circolare Prefettizia, devono necessariamente essere il più possibile simili tra comuni di uno stesso collegio: in questo senso, riunire comuni a economia a prevalenza industriale con altri a prevalenza agricola, o comuni di pianura con quelli montani - come è stato fatto con Bardi, Varsi, Pellegrino, Bore e Medesano - è sbagliato. L’aspetto territoriale proposto dal consiglio provinciale risulta essere addirittura contraddittorio, rispetto alla attuale delimitazione territoriale delle due Comunità Montane-Unioni di Comuni, perchè l’ individuazione dei nuovi collegi provinciali ne determinerebbe la disgregazione. Una possibile soluzione sarebbe, invece, la seguente: “ COLLEGIO DI BORGO VAL DI TARO comprendente i Comuni di: Albareto, Bedonia, Borgo Val di Taro, Compiano, Tornolo COLLEGIO DI BARDI/BERCETO/VARANO DE’ MELEGARI comprendente i comuni di: Bardi, Berceto, Bore, Pellegrino Parmense, Solignano, Terenzo, Valmozzola, Varano de’ Melegari, Varsi COLLEGIO DI MEDESANO: comprendente i comuni di Fornovo di Taro e Medesano Il Comune di Calestano verrebbe aggregato al Collegio di Lesignano che in questo modo comprenderebbe quasi tutti i Comuni della Comunità Montana-Unione di Comuni Parma Est con la sola esclusione del Comune di Langhirano che rimarrebbe aggregato con il Comune di Felino. Tale aggregazione è stata condivisa anche dal Presidente della Comunità Montana-Unione di Comuni  Parma Est.” Questa alternativa, di fatto, non altera il disegno complessivo proposto dalla Provincia, è compatibile con i vincoli di popolazione imposti dalla Legge e, soprattutto, corrisponde meglio alla realtà territoriale montana, individuando collegi provinciali che almeno aggregano i comuni all’interno delle due Comunità Montane-Unioni di Comuni.  
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto