CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Presidio Punto Nascita: la libertà di scegliere dove partorire

Presidio Punto Nascita: la libertÓ di scegliere dove partorire

10 Gen 2018

L'esperienza di una donna di Piacenza, che tre anni fa ha scelto Borgotaro per dare alla luce il suo primo figlio 

L’esperienza di una donna di Piacenza che, nel 2013, decise di partorire all’ospedale Santa Maria di Borgotaro. Una delle tante testimonianze che, in questi giorni, arrivano al presidio punto nascita.

 

L'ospedale S. Maria di Borgotaro – dice - è stato per me determinante nella scelta di diventare madre e creare una famiglia. L’eccellenza e l'elevata professionalità del reparto sono stati tali che l'ho scelto anche per la mia seconda esperienza di nascita, prevista per il prossimo febbraio, ma ora tutta è da rivedere, almeno per il luogo. Tornando alla mia prima gravidanza. ho scelto di essere seguita dal consultorio di Borgotaro, partorendo presso il punto nascite dell'ospedale. La presa in carico è stata semplicissima e veloce. Mi sono sentita seguita e tranquillizzata dalla disponibilità massima dal personale del consultorio. I medici e le ostetriche, mi hanno fornito tute le informazioni utili. Durante la gravidanza ho avuto necessità di due ricoveri e successivamente a causa di problemi emorragici sono andata al pronto soccorso più vicino al mio domicilio che, dopo un lungo tempo di attesa, mi ha liquidata frettolosamente, consigliando di ripresentarmi se i problemi si fossero ripresentati, senza spiegazioni ulteriori. Ho così deciso di rivolgermi al consultorio di Borgotaro, presso il quale è stata valuta immediatamente la situazione e proposto un adeguato ricovero. Il parto è stato naturale e di quell'evento ho in mente solo disponibilità, gentilezza, attenzione e pazienza infinita di tutto il personale. Ricordo la voce dell'ostetrica che mi guidava e quella del medico che mi rassicurava. Dopo pochi attimi il bimbo era già sul mio petto. Da donna, mi sono sentita rispettata, tutelata, felice. Oggi sono al 7 mese di gravidanza. Appena saputa la mia condizione ho preso contatto con il consultorio di Borgotaro per partorire nuovamente li. Un paio di mesi fa mi hanno fatto sapere che il punto nascite di Borgotaro è stato chiuso. Ho avuto alcuni giorni di smarrimento, tristezza e preoccupazione. Rientra tra i miei diritti – prosegue - come ogni cittadino/contribuente, essere seguito nel migliore dei modi e, se possibile, scegliere dove essere seguito. Non è invece mia necessità scegliere un punto nascita in base ai numeri di nascite che ha registrato in quanto non mi sento più sicura se divento un numero in più nella casistica. Non ritengo di essere seguita meglio, ma anzi, divengo solo una paziente in più da gestire, tra tante altre. Non rientra tra i miei pensieri scegliere un punto nascita dove a mio figlio di 3 anni non è permesso di venire a trovare la sua mamma nei giorni di degenza. A Borgotaro , invece, era possibile! I modelli positivi sono da copiare e potenziare, non da eliminare. Sostengo e tutelo apertamente Borgotaro e tutto quello che mi ha offerto: un'esperienza unica di gravidanza, parto e nascita. Ora sono obbligata a cercare una realtà dove ricevere rispetto, tutela e assistenza almeno adeguata. Si parla tanto di politiche per tutela e supporto delle famiglie, che però vengono sistematicamente sottovalutate o ignorate: per quale ragione i giovani dovrebbero creare famiglie se l'assistenza viene continuamente ridotta, risicata, sminuita. Si parla tanto di ripopolazione di territori e montagne: é ovvio che un ospedale di montagna non arriverà al 500 nascite l'anno per il tipo di popolamento della zona e anche per la conformazione del territorio: ma è anche improbabile una ripopolazione di luoghi a cui si tolgono servizi e assistenza. Per Borgotaro, il suo ospedale è da tutelare e incentivare: chi si trova nelle frazioni, anche ad 1 ora di distanza dall'ospedale, non può avere come scelta Parma o Fidenza per far nascere i propri figli, che sono ancora più distanti: un distacco di placenta non aspetta più di 1 ora: esige un intervento immediato, in tempi ben più ridotti degli 8 minuti per l'arrivo dell'elicottero da Bologna e altri 8 per il trasferimento. E nemmeno un infarto aspetta quel tempo. O altri interventi di elevata gravità. Sarebbe opportuno che Regione, Comuni e la Sanità si impegnassero a più mani per investire, ad esempio, in un progetto di ospedale di Montagna, con la creazione di una rianimazione. Insieme alla riapertura del punto nascite, i servizi sarebbero davvero a sostegno dei cittadini-contribuenti-elettori, della ripopolazione, delle famiglie.

 

 

 

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papÓ Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pi¨ occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole Ŕ assente Ú sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto