CONSIGLI PER GLI ACQUISTI




Attività venatoria: Legambiente chiede che si posticipi l'apertura al 1 ottobre

Attività venatoria: Legambiente chiede che si posticipi l'apertura al 1 ottobre

08 Set 2017

Preservare la fauna selvatica “patrimonio indisponibile dello stato”

Legambiente, con una lettera inviata al presidente Bonaccini ed agli Assessori Caselli e Gazzolo, chiede alla giunta regionale dell’Emilia-Romagna di deliberare con urgenza il posticipo della stagione venatoria fino almeno al 1° ottobre 2017. Una richiesta che segue quella già fatta lo scorso 19 agosto, ma che oggi diventa ancora più urgente anche alla luce della nota emessa da ISPRA, inviata a tutte le Regioni ed al ministero dell'Ambiente, che supporta con inoppugnabile parere tecnico la proposta dell’associazione, presentando una serie di dati allarmanti circa lo stato delle popolazioni di fauna selvatica cacciabile e non a seguito del perdurare del pesante stato di siccità ed altissime temperature. ISPRA indica alle Regioni una serie di provvedimenti cautelativi che si rendono necessari per limitare i danni ed impedire che la imminente stagione venatoria peggiori ulteriormente la situazione, determinando irreversibili squilibri faunistici su popolazioni cacciabili già stremate. Il territorio emiliano romagnolo ha visto negli scorsi mesi un gravissimo calo delle precipitazioni rispetto agli anni precedenti, con una riduzione pari al 60%,, oltre ad un aumento delle temperature medie registrate nel periodo estivo. Una condizione che ha portato alla dichiarazione di stato di emergenza in molti settori, tra cui quello agricolo: risulta incomprensibile il motivo per cui non venga riconosciuto lo stress al quale è stato sottoposto l’equilibrio faunistico regionale, che non può essere accentuato dall’avvio della stagione venatoria. “Ricordiamo – conclude Legambiente - che l’esercizio dell’attività venatoria è consentito dalla legge purché non contrasti con l’esigenza di conservazione della fauna selvatica. Siamo certi che la Giunta non potrà ignorare il grave stato di emergenza faunistica in corso, deliberando quindi quelle restrizioni all'esercizio dell'attività venatoria, come chiaramente evidenziato nella nota di ISPRA”.    
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Stefano Becchetti, Salvatore Pizzo, Emanuele Berni, Cesare Groppi

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papà Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in più occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole è assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

Mara - Parma (10.11.14)
Cioè, il Diego Rossi non vede la discarica o non sa come giustificare che non ha dato ordine di pulirla? Eppoi la Provincia dice cose inesatte stando al filmato si vede bene che l'acqua passava sotto il primo ponte e trovava intoppo nel secondo! Poi sempre il Sperpagli dice che il livello era di 3 mt! Considerato 2 metri fino al livello della strada vuole dire che un metro d'acqua è entrata in galleria e senza lasciare traccia sulle pareti? Ma che buffone che è.... Nella foto della galleria si vedono quei 15-20 centimetri di fango....


© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto