CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Emissioni odorigene: nasce un nuovo gruppo autonomo

Emissioni odorigene: nasce un nuovo gruppo autonomo

16 Giu 2017

Invierà una petizione a Regione ed enti coinvolti 

E' una petizione/appello, quella che sarà inoltrata al presidente della Regione Emilia Romagna, al sindaco di Borgotaro, ai gruppi consiliari del comune di Borgotaro; al direttore del Distretto Sanitario, al direttore di ARPAE Parma, al dirigente scolastico, Claudio Setti e al comitato “Aria del Borgo”, in merito al caso emissioni odorigene. "Per stare – si legge nel primo comunicato emesso - dalla parte dei cittadini, delle famiglie e degli studenti non solo di Borgotaro, ma anche delle zone limitrofe, per tutelare la salute individuale e collettiva delle persone, la qualità dell'aria e dell'ambiente del territorio montano". A presentarla un gruppo di persone, unitesi in seguito alla presenza di odori molesti a Borgotaro che, insieme, hanno maturato questa idea, dopo avere esaminato il carteggio istituzionale, cioè quanto prodotto dagli Enti preposti. L'intento è quello di porre l'accento sulla situazione che si è venuta a creare in questi mesi. “La nostra volontà – prosegue il documento - è quella di raccogliere fra i residenti il maggior numero di adesioni. Desideriamo coinvolgere la cittadinanza su un tema che riguarda il presente ed il futuro della Valle e questo perché abbiamo a cuore il il futuro delle nuove generazioni. Vogliamo tenere alta la sensibilizzazione della popolazione sui temi della salute e dell'ambiente montano. Ci teniamo a richiamare alle proprie responsabilità gli Enti coinvolti, a partire dalla Regione Emilia Romagna, al cui presidente chiediamo di farsi carico di annullare le delibere di autorizzazione e di esonero/deroga riguardanti l'azienda Laminam; proseguendo con il primo cittadino del capoluogo valtarese e richiedere agli enti AUSL ed ARPAE l'avvio di una indagine epidemiologica, poiché i casi censiti e segnalati sono numerosi, utile a scongiurare il paventato rischio sanitario”. Nella nota, inviata agli enti coinvolti, si ricorda che la Regione ha autorzzato, nell'otobre 2016, l'avvio dell'attività produttiva della ditta, esonerando l'azienda dalla valutazione di impatto ambientale, senza tenere conto della situazione che, puntualmente, si è venuta a creare a Borgotaro, in relazione alle forti emissioni odorigene, associate all'emissioni in atmosfera, sui quali valori di soglia risulterebbero verifiche in corso. “In seguito a queste emissioni odorigene – prosegue la nota - si sono verificate molte segnalazioni di situazioni di malesseri, sia ad AUSL che ARPAE, riconducibili a presunti problemi sanitari di una certa entità, da parte di cittadini e genitori dei bambini esposti”. Il gruppo rammenta anche che “il piano regionale integrato sulla QUALITA' DELL'ARIA, introduce norme stringenti in merito e detta le linee guida a Comuni e Province per la stipula di accordi per il contenimento delle emissioni”. Si ricorda, inoltre, che nei pressi del sito in cui insiste l'azienda esistono una scuola, un ospedale, strutture sportive, palestre e campi da calcio, un centro Commerciale, attività commerciali e artigianali, il centro abitato di San Rocco e la stazione ferroviaria. “La tutela della salute dei cittadini di ogni età deve essere salvaguardata a prescindere – proseguono - in particolare per SCONGIURARE la già ipotizzata EMERGENZA SANITARIA, poiché, di norma, gli effetti delle emissioni odorigene producono effetti nel medio e lungo periodo, sui soggetti più deboli della popolazione, senza dimenticare i costi economici diretti, indiretti e differiti, anche sanitari, nonché sociali, che potrebbero sfuggire al controllo, ricadendo sulla collettività, così come in parte già si sta verificando, con la richiesta di utilizzo della Cassa Integrazione Straordinaria da parte dell'azienda alla Regione”. Alla luce di quanto esposto, il gruppo inoltra richiesta alla Regione Emilia Romagna, affinchè annulli gli effetti delle delibera 1447 del 12/09/2016 e successiva ddelibera 295 del 05/10/2016 ed includa la ditta LAMINAM nella procedura di impatto ambientale, dove l'azienda NON RISULTEREBBE RIENTRARE. Viene inviata, inoltre, agli organi di vigilanza compententi, richiesta di indagine epidemiologica, utile a verificare le correlazioni tra causa ed effetto, per i casi censiti e segnalati. Al fine di agevolare i percorsi richiesti, di cui il gruppo chiederà riscontro di volta in volta agli Enti, si suggerisce l'adozione delle schede tecniche di controllo di misura degli odori e degli inquinanti redatte da ARPA, sezione territoriale di Bologna     Domani, dalle 10 alle 12.30, alcuni rapppresentanti del gruppo saranno presenti con un banchetto, all'esterno del supermercato Conad, nel centro commericale, per raccogliere firme a sostegno della petizione 
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto