CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Addio al Corpo Forestale dello Stato

Addio al Corpo Forestale dello Stato

05 Gen 2017

Era stato fondato nel 1822

Ormai siamo assuefatti a tutto e probabilmente non abbiamo piu’ neppure la speranza di poter modificare le cose o salvarle. Come Sindaco, amministratore pubblico, non voglio perdere la speranza e continuo, come ne sono capace, a lottare.

Il 31 dicembre è stata ammainata la bandiera del Corpo Forestale dello Stato che aveva iniziato a sventolare nel 1822. E’ sorprendente constatare la lungimiranza che c’era nell’istituire questo corpo in un Paese come l’Italia che ha da salvaguardare uno dei piu’ importanti e suggestivi paesaggi del mondo; sorprendente, al contrario, vedere la cecità dell’attuale Parlamento che ha votato la sua soppressione spinto dal vortice disfattista e pasticcione dell’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Spacciare per grande riforma una vendetta, un pegno da pagare a qualche “padrone” risentito dai controlli della Forestale, è una prerogativa di questo “politico”. La vera riforma, infatti, se per davvero si volesse riformare, era quella di riunire in un solo corpo tutte le forze di polizia (da cinque a uno), ridurre il numero di generali e graduati, incentivare e ricercare l’efficienza, togliere dagli uffici migliaia di agenti il cui ruolo e compito non è quello di combattere le scartoffie ma la criminalità. Ora alla montagna è inferto un altro fendente come fendenti vengono inferti ai consumatori che saranno meno tutelati e agli animali in genere che saranno lasciati alla mercè di persone senza scrupoli. Questo è l’effetto pratico della riforma Renzi. In termini di risparmio nulla, come sempre, se non, addirittura, aggravi di spese. Gli agenti forestali restano con la loro organizzazione e l’integrazione nell’arma dei Carabinieri è una finzione pasticciata. Quello che invece non sarà finto sarà l’impossibilità, per la Forestale, di svolgere il proprio compito. A ben vedere, procurando un enorme danno, ben visibile soprattutto in montagna, alla Forestale era già stato limitato il ruolo con l’avvento delle Regioni. Un tempo, infatti, gli agenti forestali avevano il compito di indicare, albero per albero, quello che i boscaioli potevano tagliare. Dal 1972, invece, la forestale sanziona le malefatte dei “boscaioli” ma come è facilmente comprensibile, per la collettività, il danno è fatto visto che le sanzioni arrivano dopo il reato. S’è abbandonata, insomma, la politica della prevenzione. Adesso si abbandona la politica di tutela del paesaggio, della salute degli animali e della sicurezza dei consumatori. Il “buon” Renzi, ai sostenitori e finanziatori entusiasti della Leopolda, ha portato, su un piatto d’argento, la testa di un corpo di polizia che li infastidiva per la meticolosità dei controlli sulla provenienza e salubrità delle materie prime dei cibi. Mi dispiace che la vittoria del NO, al referendum costituzionale, del 4 dicembre, non abbia la forza di eliminare le dannose “riforme” volute da Renzi e tra queste quelle dell’eliminazione della Forestale e l’orrenda Legge Delrio delle Province.

 

Luigi Lucchi Sindaco di Berceto

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto