CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Pedroni replica a Romanini

Pedroni replica a Romanini

30 Giu 2010

In merito alla situazione scolastica della regione Emilia Romagna

Dopo aver ascoltato il servizio dal titolo:”Precari - scuola: Romanini sconfessa Pedroni”. trasmesso durante il Telegiornale di Video Taro del giorno 26 c.m. vorrei rispondere all’assessore Romanini mettendo  in evidenza le inesattezze contenute nell’intervista e la non correttezza del titolo stesso.     1)     L’assessore Romanini nel suo intervento non smentisce nulla di quanto da me affermato nella  conferenza stampa tenuta a Borgotaro il 10 c.m. assieme al Consigliere Comunale Rodolfo Marchini, gentilmente teletrasmessa da questa emittente, tanto utile e cara agli abitanti delle zone alte della nostra Provincia, per il grande servizio di puntuale informazione che svolge.   2)     L’Assessore Romanini tenta di giustificare la non firma del Presidente Errani all’accordo con il Governo, avendo fatto altre scelte.             La Regione Emilia Romagna  non avendo firmato l’accordo con il Ministero, non ha            avuto nessun beneficio dall’inserimento del maestro unico, come invece hanno               ottenuto la regioni che lo hanno sottoscritto.   3)     L’Assessore  Romanini usa termini roboanti nei miei confronti tipo “ansia” di difendere il Ministro Gelmini e scaricare le colpe di inefficienza sul Presidente Errani, senza dire nulla di diverso di quanto  da me affermato,   4)     In sede dela conferenza stampa sopra citata sostenni ( cosa confermata anche dall’assessore Romanini ), che alcune Regioni sottoscrivendo l’accordo stato – regioni avevano impegnato insegnati precari disoccupati, fornendo utili servizi agli utenti e alle loro famiglie.   5)     Le regioni che hanno sottoscritto tale accordo grazie all’introduzione del maestro unico hanno incrementato le sezioni a tempo pieno, per chiarezza cito i seguenti dati presi dal giornale online “ Tuttoscuola.com “ del 17 maggio c.a. e sono :            Puglia + 233, Lombardia +162, Sardegna+150, Veneto+113, ho fatto notare altresì                che la Regione Piemonte sottoscrivendo un particolare accordo con il Ministero            ha tutelato le scuole di montagna preservandole da qualsiasi riduzione di personale                insegnante e ausigliario.   6)     Caro assessore Romanini mi permetta una prima considerazione al suo infelice intervento, che per usare una metafora calcistica definirei a “gamba tesa” le Regioni Lombardia, Veneto e Piemonte fino a prova contraria non sono Regioni meridionali ameno che il suo partito le consideri tali, e che quindi non hanno utilizzato i fondi “Fai “ per le zone sottoutilizzate come da Lei definite.   7)     La politica di dire sempre “no” non porta da nessuna parte, non si difendono le scuole di montagna cercando la polemica ma costruendo assieme un progetto di sostegno, preservandole a livello regionale, garantendo i punti di erogazione del servizio scolastico, come prevede la legge Gelmini,   8)     Come spiega Assessore Romanini, il fatto che in regione Emilia Romagna indipendentemente dalla province che hanno territori montani come la nostra , si è applicata la stessa  riduzione del 3% degli insegnanti come le province tipo Rimini, Ferrara e Ravenna che non hanno territori montani, contraddicendo la legge Gelmini ?   9)     Bene ha fatto il dirigente scolastico Provinciale Dott.  Acri, prima ha sistemato garantendo come prevede la legge Gelmini, i punti di erogazione del servizio scolastico in montagna poi ha proceduto alla formazione delle classi nella restante Provincia.  Purtroppo avremo classi di scuola primaria di 28 alunni, perché a livello regionale non si è tenuto conto della diversità morfologica del territorio: ( meno del 3% a tutti indistintamente )   10) Il presidente Errani non solo non ha affrontato la situazione dei precari come altre Regioni hanno fatto, ma non ha incrementato il numero di classi a tempo pieno e non ha tutelato la scuola di montagna,   11)  Assessore Romanini, a mio parere dobbiamo andare in Regione per sostenere le varie richieste di deroghe, richieste dal Dott. Acri, come Consiglio Provinciale “compatto e unito” se vogliamo ottenere soddisfazione.            Il mancato ottenimento di quanto giustamente richiesto dalla popolazione sarà di             nostra esclusiva responsabilità, avremmo fallito tutti, in primis chi ricopre cariche            amministrative..    
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto