CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Emergenza lupi: negativa la strategia del prelievo selettivo

Emergenza lupi: negativa la strategia del prelievo selettivo

05 Feb 2016

"Non ha nessun effetto positivo sui danni causati alla zootecnia"

La strategia del prelievo selettivo, sul territorio, non ha alcun effetto nella diminuzione dei danni causati dal lupo alla zootecnia, anzi. Lo si evince da uno studio di recentissima pubblicazione, proprio dedicato al predatore, sul perché i lupi mangiano il bestiame e sui fattori che influenzano la dieta del lupo nel Nord Italia, Lo studio, infatti, dimostra come i danni diminuiscano in presenza di zone forestali più estese, con maggiore abbondanza di ungulati, selvatici e, soprattutto, in caso di presenza di branchi di lupo stabili. E’ provato che l'abbattimento, anche di una piccola quota di lupi andrebbe invece a destabilizzare i loro nuclei, aumentando la quota dei solitari, che risulta essere la parte della popolazione che più si indirizza verso il bestiame domestico per il proprio sostentamento. Ma, come avviene nella nostra zona, la convivenza è iniziata ormai da qualche tempo e la strategia, per poter coesistere, è l'attuazione di tecniche di prevenzione come cani da guardiania e recinti elettrificati, che hanno sì un costo per l'allevatore, ma che azzerano, o quasi, i danni. È da circa la fine degli anni 80 che i lupi hanno ripreso un rapido e spontaneo recupero, tornando a colonizzare gli Appennini ed ora si stanno espandendo verso le Alpi, attraversando i monti liguri. In questo studio è stata determinata anche la composizione della dieta del lupo in zone come le nostra. Sono stati esaminati 1457 escrementi raccolti tra il 2008 ed il 2013 ed il loro contenuto è stato determinato con analisi microscopica. Ad essere maggiormente consumati sono stati gli ungulati selvatici, 64, 4% e, in misura minore, il bestiame , in particolare capre, col 26,3%. Da sottolineare, anche, che la distribuzione dei lupi è di solito determinata dalla ricchezza delle sue prede, le caratteristiche ambientali ed il rischio associato alla presenza di esseri umani . Un punto, questo, definito problema chiave della conservazione dei lupi, perché possono avere un impatto drammatico sugli allevamenti di bestiame e, come reazione, un atteggiamento dell’uomo che può portare ad uccisioni illegali, aumentando il rischio di estinzione. Da segnalare, infine, sempre da questa pubblicazione, che l’'impatto dei lupi sul bestiame è diverso a seconda della regione geografica. Nelle regioni con una bassissima abbondanza di ungulati selvatici, i lupi si nutrono soprattutto di bestiame. Su un articolo, poi, apparso recentemente su La Nazione, si trova una sorta di vademecum su come comportarsi in caso di incontro ravvicinato con un lupo o addirittura con tutto il suo branco. «In certi contesti rurali può succedere che alcuni individui siano avvistati nei dintorni dei paesi, soprattutto nelle zone montane. Innanzitutto non bisogna avere paura – precisano dagli uffici del Parco –, i lupi non attaccano l’uomo. In alcune occasioni il lupo può rimanere ad osservarci senza allontanarsi subito: questa è semplice curiosità da parte dell’animale ma se si preferisce evitare questa situazione qualche urlo e un po’ di confusione sono ottimi metodi per farli allontanare». Insomma il lupo è un animale curioso ma non ha alcuna intenzione di avvicinarsi troppo all’uomo, neppure per attaccarlo. Anzi, è semmai l’uomo a poter rappresentare un pericolo per la sopravvivenza del lupo, anche se indirettamente e involontariamente. E lo spiegano bene gli esperti del Parco: «L’unica accortezza che si raccomanda è la gestione dei nostri rifiuti e resti alimentari. Il lupo è un animale naturalmente diffidente verso l’uomo ma, come tutti i canidi è attirato dal cibo. Per mantenere i lupi lontani dai paesi è necessario quindi evitare di richiamare nelle loro vicinanze delle possibili prede; non bisogna inoltre lasciare avanzi o sacchetti fuori dai cassonetti né intorno alle case».    
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papÓ Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pi¨ occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole Ŕ assente Ú sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto