CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Scuola: organizzazione in provincia di Parma

Scuola: organizzazione in provincia di Parma

25 Mag 2010

Un ordine del giorno presentato da PdL, UDC e Lega

Sentite le forti preoccupazioni di amministratori locali, cittadini e insegnanti per le conseguenze che rischiano di comportare per il prossimo anno scolastico, la chiusura di punti di erogazione del servizio scolastico nei comuni della nostra montagna; assume una decisa e unanime posizione in difesa del sistema scolastico provinciale ed in particolare dei punti di erogazione del servizio scolastico di montagna, che si trovano, ancora una volta, a rischio di sopravvivenza;                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         Ribadisce che intento del Consiglio Provinciale è di salvaguardare le realtà locali, valorizzando le peculiarità e le differenze che costituiscono la ricchezza del territorio, in modo da offrire a tutti le medesime opportunità di crescita e benessere. In questo quadro una attenzione particolare va riservata proprio alla montagna in cui la scuola rappresenta il principale presidio di sopravvivenza e di prospettiva nonchè la leva strategica per lo sviluppo sociale, civile ed economico delle piccole comunità locali al fine contrastarne il progressivo spopolamento; che si intende contrastare la soppressione indiscriminata e schematica delle scuole nei territori periferici e di montagna e per questo si chiede che siano garantite le risorse, l’organizzazione e l’articolazione dell’offerta scolastica soprattutto nei territori montani dove le distanze costituiscono un elemento di disagio rilevante; che gli Enti locali della Provincia di Parma hanno destinato ingenti risorse in questi anni per qualificare il patrimonio scolastico, garantire il diritto allo studio, mantenere e spesso ampliare i servizi, consapevoli che la presenza della scuola è una ricchezza e una risorsa per comuni di montagna che hanno visto un continuo progressivo depauperamento in termini di opportunità formative e lavorative; che l’Amministrazione  Provinciale ha investito  ( e intende anche in futuro investire ) nell’innovazione realizzando i Poli Telematici, l’estensione della banda larga per collegare alunni e plessi distanti fra loro, progetti di “teledidattica” tra i quali Scuola@Bardi, convinta che le nuove tecnologie, adeguatamente supportate da attrezzature telematiche, siano una nuova modalità di insegnamento in grado di coniugare qualità dell’offerta didattica ed esigenze sociali, specie nelle realtà decentrate e di montagna; che per salvaguardare le scuole di montagna è necessario intervenire immediatamente e in modo definitivo per garantire almeno l’attuale presenza dei punti di erogazione del servizio scolastico delle “materne, elementari e medie di primo grado”. che la Regione Emilia Romagna e la Provincia di Parma hanno operato nel tempo tutte le razionalizzazioni proposte tanto che il numero medio degli alunni per classe supera di oltre un’unità la media nazionale e le scuole di montagna sono state organizzate in istituti comprensivi che includono ognuno le scuole di quattro o cinque diversi comuni; che in montagna non è sostenibile basare la programmazione sul sistema delle deroghe, ma serve investire in modo stabile e strutturale per garantire la continuità e la qualità del percorso formativo nel tempo; chiede -        alla Regione Emilia Romagna, al Governo e alla conferenza Stato-Regioni di prendere atto della situazione di grave disagio  delle popolazioni che vivono in montagna, di assumere quei provvedimenti indispensabili per garantire loro parità di trattamento come previsto dalla nostra Costituzione, un servizio scolastico efficiente pari agli altri cittadini italiani che vivono in città, è un loro sacro santo diritto.  -        alla Regione Emilia Romagna, alla Conferenza Stato-Regioni di fare propria la richiesta delle deroghe richieste dall’ufficio scolastico provinciale di Parma all’ufficio scolastico regionale, per rispondere ai bisogni della popolazione scolastica della nostra montagna, per mantenere un servizio scolastico almeno sufficiente e dignitoso. -        al Presidente della giunta Regionale Errani e all’Assessore regionale competente, di farsi parte diligente nel sostenere presso l’ufficio regionale scolastico, le richieste di nuove sezioni di scuola per l’infanzia e di classi di tempo pieno nella scuola primaria avanzate dall’ufficio scolastico provinciale di Parma, come richiesto dalle Amministrazioni comunali, pressate dalle istanze della popolazione. -        Invita i Consiglieri Regionali di Parma a sostenere nei modi consoni presso la giunta Regionale dell’Emilia Romagna le richieste indispensabili per un servizio scolastico sufficiente e dignitoso nella nostra Provincia.   I consiglieri proponenti: Manfredo Pedroni, Gianluca Armellini, Giuseppe Conti                                                                                            Popolo delle Libertà,                                     Stefano Tedaldi dell’U.D.C.                                      Giovanni Carancini della Lega nord                                                    
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papà Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in più occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole è assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto