CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Elezioni comunali: gli scenari possibili

Elezioni comunali: gli scenari possibili

04 Gen 2014

Si vota in primavera, in 12 comuni della Valtaro-Valceno

 

La soppressione della Comunità montana, che diventerà effettiva a partire dal 31 marzo prossimo ha, praticamente, azzerato ogni valenza politica per le elezioni che, fra qualche mese, vedranno il rinnovo di ben 12 delle 15 amministrazioni municipali della Valtaro - Valceno. Una valenza politica che, per la maggior parte dei comuni, escluso, cioè, Borgotaro, Fornivo e, a volte, Bedonia, è sempre stata quasi inesistente, ma che aveva una sua, pur minima, ragion d’essere in funzione dell’ente comprensoriale. Chi conquistava la maggior parte ei comuni, infatti, otteneva, automaticamente, la maggioranza del consiglio dell’ente comprensoriale, potendo, poi, eleggere, il presidente e la giunta che, senza dubbio, svolgevano un ruolo politico elevato, con influenze, anche, ad alti livelli; ricordiamo, ad esempio, l’elezione di Guido Gonzi a presidente dell’UNCEM, l’associazione che raggruppava tutte le Comunità montane d’Italia. Ora, invece, con l’Unione dei Comuni ancora allo stato embrionale e, comunque, non ben definita dal punto di vista istituzionale, ogni municipalità farà per conto proprio e, data l’esiguità demografica della maggior parte di esse, l’interesse che suscitano nelle diverse formazioni politiche è, alquanto, limitato. A ciò si va ad aggiungere sua lo sfascio del centrodestra, per la questione delle scissioni avvenute a livello nazionale e delle vicende giudiziarie che lo hanno decapitato a livello provinciale, sia le innegabili difficoltà che sta attraversando, anche, il Partito Democratico. Cosicché, le prossime elezioni comunali si prospettano, o come confronti tra opposte fazioni a livello locale, o come scontri tra diversi personaggi carismatici dei vari paesi, senza, salvo eccezioni, alcun retroterra politico. Le voci che circolano sono ancora molto labili e prive di certezze ma, tuttavia, sembrerebbero confermare questa tendenza. L’esempio più eclatante potrebbe rivelarsi Compiano, dove un’eventuale ricandidatura del sindaco uscente, Sabina Delnevo, si dice verrebbe contrastata da quella del consigliere comunale di minoranza, Francesco Mariani, entrambi iscritti al Partito Democratico. A Bedonia si dà quasi per certa la ricandidatura di Carlo Berni che, dopo aver aver risollevato le speranze di un salvataggio dello stabilimento ceramico ex Fincuoghi, avrebbe il vento in poppa. Vento in poppa accentuato dalle difficoltà dei possibili avversari che, dopo la scomparsa del compiano Arturo Ghiorzo, non hanno ancora trovato nessuno in grado di coordinarne l’attività. Anche Cristina Cardinali, a Tornolo, parrebbe intenzionata a ripresentarsi e c’è chi dice che potrebbe avere, come avversario, l’attuale consigliere di minoranza di Bedonia, Costantino Monteverdi. Ad Albereto, dove il sindaco uscente, Ferrando Botti, esaurirà i due mandati previsti dalla legge, voci non confermate ipotizzano un confronto tra il vicesindaco Clara Spagnoli ed il presidente del comitato della Fiera del Fungo, Davide Riccoboni. A Bore, il Partito Democratico è alla ricerca di un successore per il sindaco uscente, Fausto Ralli, ach’egli alla fine del secondo mandato. Successore che dovrà vedersela con la lista che sta allestendo un’agguerritissima Linda Marazzi, attuale consigliere di minoranza e già sindaco dal 1995 al 2004. un candidato il PD  lo sta cercando, anche, a Pellegrino Parmense. In molti vorrebbero che a guidare la lista di centrosinistra fosse il borgotarese Claudio Barilli, attuale assessore esterno del comune della Val Stirane, ma pare che l’interessato non intenda accettare. A Varsi, invece, il sindaco uscente, Osvaldo Ghidoni, avrebbe designato, come proprio delfino, il vicesindaco Luigi Aramini, a cui non si esclude potrebbe opporsi l’ex sindaco, Giorgio Bertorelli o, comunque, un uomo di sua fiducia. Nulla di preciso si sa ancora dal comune di Terenzo, dove il sindaco uscente, Mara Cattani, del PD, non è più ricandidabile, mentre il partito sarebbe in grosse difficoltà per trovare i candidati a Bardi, Berceto, Fornovo e Valmozzola, dov’è pressoché certa, nonostante gli interessati mantengano il più stretto riserbo, la ricandidatura dei sindaci uscenti: Giuseppe Conti, Luigi Lucchi, Emanuela Grenti e Claudio Alzapiedi.                  

 

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papà Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in più occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole è assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto