CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Bardi: istituzione DE.CO

Bardi: istituzione DE.CO

30 Nov 1999

Denominazione Comunale di Origine

Durante il prossimo consiglio comunale di Bardi, che si svolgerà a fine mese, il sindaco, Giuseppe Conti, presenterà ai consiglieri, per l’approvazione, una delibera avente per oggetto: “Approvazione regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione DE.CO.- Denominazione Comunale di Origine”. Le Denominazioni Comunali non sono marchi, non rappresentano tutele, ma sono atti, delibere di una amministrazione comunale che registra un dato di fatto: un prodotto, un piatto, un sapere, con i quali una Comunità si identifica. Le DE.CO. sono dunque un atto politico, che fissa un valore, una carta d’identità che il Sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale. La procedura di approvazione prevede una prima delibera di Consiglio che segna l’istituzione di un registro delle DE.CO. (l’adozione delle DECO da parte del Comune), e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’ANCI, (Associazione Nazionale Comuni Italiani). Per rendere però il Regolamento presumibilmente compatibile con la normativa europea e quindi sostenibile, è stato necessario apporre alcune modifiche di carattere procedurale e terminologico. Il regolamento quindi ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende, che il Comune d’ufficio o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico. Di sicuro non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’ intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico che è Gino Veronelli, quando quindici anni fa ha cominciato ad abbozzare alcune idee relative a questo tipo di possibilità, dopo ovviamente avere approfondito quali sono le direttive europee, che adesso sono sovrane in campo di denominazione di origine protetta. Queste nostre denominazioni comunali possono accompagnare i nostri prodotti agroalimentari e possono accompagnare da soli i nostri prodotti, oppure possono essere anche associate alle denominazioni europee nonché possono anche diventarlo queste nuove denominazioni comunali potenziali opportunità. È un marchio che non identifica nel prodotto un prodotto di qualità ma va a certificare l’origine di questi prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio “Made in Italy”, è come dire “Made in Bardi” praticamente. In questo regolamento vengono fissati i criteri di funzionamento per la certificazione di questi prodotti.

I primi 4 prodotti che il Comune intende riconoscere sono:

 

1. Crocetti alla bardigiana. (Cruzetti); 2. Torta di Verze (Turta de cori);

3. Picara; 4. Panetti de Pinoeu. 

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papà Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in più occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole è assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto