CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Borgotaro: "Io e i miei piedi"

Borgotaro: "Io e i miei piedi"

17 Mag 2013

Presentato il libro di Stella Stollo

Il pomeriggio dell’11 maggio, a Borgo Val di Taro, nella biblioteca “Manara”, nell’ambito della rassegna “Leggere per… - incontri con gli autori” (organizzata dalla stessa biblioteca), innanzi ad un pubblico attento e partecipe, sono stati presentati i romanzi "Io e i miei piedi" (Graphofeel edizioni) e “Algoritmi di Capodanno” (Società editoriale Arpanet), di Stella Stollo, scrittrice di origine umbra, insegnante di scuola primaria in un paese della provincia di Siena. Al tavolo dei relatori si sono alternati Elisa Del Grosso (direttrice della biblioteca), il prof. Massimo Beccarelli (insegnante di lettere e moderatore), Giuseppe Marletta (scrittore) e l’autrice. Del Grosso, dopo aver illustrato le peculiarità della rassegna e dell’iniziativa della biblioteca “La vetrina degli autori emergenti” (finalizzata appunto a far conoscere al pubblico le opere di scrittori alle prime armi), ha fatto un breve curriculum della Stollo, evidenziando come da fervida lettrice (e da donna di cultura dai molteplici interessi) si sia dedicata alla scrittura con ottimi risultati ("Io e i miei piedi" ha vinto nel 2011 il premio letterario Cogito ergo scrivo). Stollo ha detto come la scrittura dei romanzi abbia rappresentato la coronazione di un progetto maturato sin dall’infanzia quando, appassionata lettrice, si chiudeva nella sua stanzetta per leggere, “divorando” così un gran numero di libri e sviluppando una passione che l’ha portata ad interessarsi di vari generi letterari, in particolare i romanzi storici, approfonditi grazie ai numerosi viaggi (altra sua passione) compiuti in seguito. Ha poi aggiunto che un altro suo interesse è l’arte, dalla quale ha tratto spunto per delineare la protagonista di “Algoritmi di Capodanno”.  Dopo l’applauso spontaneo del pubblico, colpito dall’accuratezza del linguaggio dell’autrice e dalle sue varie passioni, ha preso la parola Massimo Beccarelli, evidenziando come nei romanzi della Stollo, nei quali è forte la componente autobiografica, siano ben ravvisabili i suoi compositi e variegati interessi, che spaziano dall’arte alla matematica, dalle lingue orientali alla letteratura. Ha poi evidenziato l’importanza rappresentata nei due romanzi dalla scrittura, che assolve una funzione quasi catartica, consentendo ai protagonisti di far fronte alle avversità della vita, segnalando le loro affinità con quelli di opere letterarie molto famose. Sono poi stati illustrati i tratti salienti dei due romanzi. In "Io e i miei piedi"l’arte guarisce dalla cecità e così, attraverso la scrittura, la vita del protagonista Mirco cambia aspetto e svolta poi verso una direzione inattesa. E quindi, in definitiva, un romanzo brillante con profonde riflessioni sull’esistenza, sul destino e sulla casualità degli eventi.  In “Algoritmi di Capodanno” la protagonista è una quarantenne laureata, molto soddisfatta del suo lavoro (è animatrice di eventi culturali in una cafè-galleria) ma poco della sua vita sentimentale, ed è determinata a trovare la persona che potrà dare una svolta alla sua vita. Tra mostre di libri, pittura, concerti si succederanno vari episodi che raggiungeranno alla fine dell’anno il risultato perfetto, proprio come in un algoritmo.

 È poi intervenuto Giuseppe Marletta, cha ha ringraziato i presenti, per la loro attenzione e costanza, Elisa Delgrosso per aver avviato l’iniziativa che permette anche agli autori emergenti di avere appunto una propria “vetrina” anche a Borgo Val di Taro, e l’autrice per aver accettato l’invito a venire in Valtaro per presentare le sue opere, confrontandosi con un’altra realtà e condividendo le comuni esperienze di scrittrice emergente. Si è soffermato poi su alcune particolari caratteristiche dei protagonisti dei romanzi ed ha posto alcune domande all’autrice (sui significati delle opere, sui loro riferimenti sociali, culturali, storico e geografici, sui generi letterari di riferimento e sulle motivazioni che hanno determinato la stesura dei romanzi), creando poi un piacevole duetto, soprattutto sugli “sforzi” degli scrittori emergenti, che ha interessato e coinvolto il pubblico.  Gli spettatori, infatti, piacevolmente sorpresi dalla schiettezza e dalla bravura della Stollo, hanno posto alcune domande sulle difficoltà per gli scrittori emergenti di accedere al difficile mondo dell’editoria (alle quali i due scrittori hanno risposto raccontando le loro esperienze ed evidenziando come la rete consenta certamente agli scrittori di conoscersi e di condividere esperienze e problemi e come l’editoria viva una situazione molto problematica – anche a causa della poca attenzione dedicata dallo Stato alla cultura – e tenda, quasi di conseguenza, a privilegiare solo gli autori già famosi, trascurando a volte altri molto bravi ma ancora non conosciuti, pur se fortunatamente vi sono tuttora - come evidenziato da Marletta nel riferirsi alle modalità di pubblicazione della sua seconda opera "Le verità inattese" con la casa editrice "Edizioni c'era una volta" - piccole realtà portate avanti, a prezzo di grandi sacrifici, da persone esperte, competenti ed animate da passione ed amore per la cultura), sul rapporto tra razionale ed irrazionale nelle opere della Stollo e sulle sue variegate passioni culturali. In questo modo ha avuto piacevolmente fine un evento durato molto (quasi un’ora e mezza) ma che non ha affatto annoiato nessuno dei presenti.

 

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto