CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Clima pesante in Comunità montana

Clima pesante in Comunitā montana

30 Apr 2013

Per svolgere il consiglio si è atteso un'ora per il numero legale 

Il rappresentante della minoranza di Valmozzola, Claudio Da Rè, chiede le dimissioni di tutta la giunta della Comunità Montana, Linda Marazzi (minoranza di Bore) propone il commissariamento dell’ente e Costantino Monteverdi (minoranza di Bedonia) invoca l’intervento della magistratura.

 

La bocciatura, da parte del TAR, della delibera con cui era stata approvata la transazione per i compensi dovuti alla ditta che gestisce il preselettore per rifiuti ai Piani di Tiedoli, in comune di Borgotaro, ha scatenato un crescendo di polemiche nel corso dell’ultima seduta del consiglio della Comunità Montana.

 

La vicenda era iniziata una decina di anni fa, allorché la Comunità Montana aveva stipulato un convenzione, con la ditta Oppimitti, per la gestione del preselettore, realizzato dalla ditta medesima, che aveva sostenuto il 70% delle spese, con un contributo regionale pari al restante 30% dei costi.

 

I termini dell’accordo prevedevano che l’ente comprensoriale si impegnasse a conferire al preselettore un minimo di 42.000 tonnellate di rifiuti all’anno ed il gestore, in cambio, avrebbe praticato, ai comuni della Valtaro-Valceno, un prezzo unitario, a tonnellata, decisamente contenuto.

Inoltre, allo scadere del contratto, nel 2025, la proprietà dell’impianto sarebbe passata alla Comunità Montana.

 

Senonché, nel frattempo, parecchi comuni hanno avviato il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti, con il risultato che il quantitativo conferito al preselettore è crollato a meno della metà di quanto previsto.

 

Contratto alla mano, il gestore ha, allora richiesto che gli fosse, comunque, corrisposta la cifra minima complessiva pattuita, poiché, per rendere economicamente sostenibile l’impianto, il prezzo unitario a tonnellata concordato era subordinato al raggiungimento del quantitativo preventivato.

 

Per evitare un contenzioso giudiziario che, in caso di sentenza sfavorevole l’avrebbe obbligata ad un risarcimento di circa tre milioni di euro, la Comunità Montana proponeva, a questo punto una transazione, ovvero: l’ente comprensoriale rinunciava ad acquisire gratuitamente l’impianto alla scadenza del contratto, nel 2025, lasciandone la proprietà al gestore che, fino a tale data, avrebbe continuato a praticare, ai comuni del comprensorio, una tariffa agevolata, inferiore del 25% ai prezzi di mercato (126 euro a tonnellata, anziché 163). Un accordo, a rigor di logica, equo, di cui entrambi i contraenti si dichiaravano soddisfatti.

 

Perché la transazione avesse validità, occorreva, però, l’assenso, obbligatorio per legge, di ATERSIR, ovvero l’agenzia regionale, costituita lo scorso anno, che sovrintende ai servizi ambientali, per cui il Tribunale Amministrativo ha annullato la delibera, non per l’operazione in sé, ma per vizio di forma, poiché non erano stati espletati tutti i passaggi contemplati dalla normativa.

 

Cosicché, i consiglieri che si identificano come opposizione sono insorti, accusando l’amministrazione di superficialità, se non di dolo e la giustificazione addotta dal presidente Bassi, di aver incontrato a livello informale i dirigenti di ATERSIR, che avevano dato il benestare all’operazione, veniva giudicato inconsistente.

 

A margine della polemica vi è, inoltre, da rilevare il pesante clima di smobilitazione che regna in Comunità Montana, accentuato, anche, dal generale disinteresse nei confronti dell’ente. Ad esmpio: la seduta a cui si riferisce il servizio, convocata per le 18.30, è iniziata alle 19.34, poiché, per oltre un’ora, non si è potuto raggiungere il numero legale.    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto