CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Omicidio Berni: parlano gli abitanti di Fornolo

Omicidio Berni: parlano gli abitanti di Fornolo

12 Mar 2013

Paese dove viveva la donna accusata della sua morte

La prima notizia che si era diffusa, poche ore dopo il ritrovamento del cadavere di Giuseppe Berni, si è purtroppo rivelata, a distanza di due mesi, vera. Il pensionato 72enne, residente nella frazione Monticelli, di Borgotaro, non è morto per cause naturali, ma bensì per una dose massiccia di ansiolitico, che l’uomo non ha assunto volontariamente, ma per mano di altri. Di un’altra, per meglio dire. E non era neppure la prima volta. Pare fosse una consuetudine, per la donna finita in manette nella serata di venerdì scorso, far assumere all’uomo dell’ansiolitico, diluito nel vino, per sottrargli poi, denaro. Giuseppina Lugari, 62enne originaria di Ramiseto, ma residente a Fornolo, paese di 6 anime, in alta Valceno, nel comune di Bedonia, è stata prelevata dalla sua abitazione e condotta in via Burla, con la pesante accusa di omicidio preterintenzionale. Le manette sono scattate anche ai polsi della figlia, Sonia Barbieri, 44enne, residente a Sala Baganza, impiegata, con contratti precari, al Cup, con l’accusa di furto e rapina. Pur non essendo presente quel giorno, nella villetta di Monticelli, sapeva comunque quello che la madre era solita fare e, in più di una occasione, anche lei vi aveva preso parte. La Lugari conosce il Berni, che viveva solo dal 2009 e si accorda con lui: prestazioni sessuali in cambio di soldi. La donna inizia a frequentare la casa dell’uomo e ben presto si rende conto che a disposizione vi sono un bel po’ di contanti, che il pensionato tiene sempre con sé. Nella sua mente scatta il piano: stordire l’uomo, con un ansiolitico, per mettere in atto furti e rapine. E, nel piano,coinvolge anche la figlia. Sono circa 10mila euro quelli che, a più riprese, le due riescono a far sparire dalla villetta. Sempre senza che Berni se ne accorga. L’uomo, però, a causa degli effetti collaterali dei calmanti, viene ricoverato in ospedale, nel 2011 e salvato per miracolo, grazie all’intervento dei vicini di casa. È lì che l’uomo capisce che qualcosa sta accadendo, si spaventa, cambia la serratura di casa, per impedire che la donna entri indisturbata. Per un po’ di tempo tutto fila liscio, ma poi, l’8 gennaio scorso, la donna torna, pronta, gli dice, a restituirgli il denaro sottratto. Riesce di nuovo a circuire l’uomo e, questa volta, la storia ha un tragico epilogo: la morte di Berni. Il 72enne si sente male, lei gli ha di nuovo somministrato un ansiolitico, cade a terra, svenuto e in crisi respiratoria. La donna scappa e lui resta lì, solo con il suo cane, che lo veglierà sino all’arrivo delle forze dell’ordine, chiamate dal nipote, preoccupato per il silenzio del parente. È l’11gennaio quando il corpo, ormai senza vita, viene rinvenuto all’interno dell’abitazione, messa completamente a soqquadro. E proprio questo particolare renderà il decesso di Berni un decesso anomalo, seppur nella sua ‘normalità’. Nessun segno di violenza sul corpo, nessun esito dall’autopsia. Ma, in mano ai carabinieri, vi sono un flacone di ansiolitico, rinvenuto vuoto, nel giardino della villetta, sotto la neve, e mai preso dall’uomo, l’abbigliamento inusuale, solo slip e maglietta, malgrado il freddo intenso di quei giorni, alcune testimonianze e tabulati telefonici. In attesa degli esami tossicologici, che si sono resi preziosissimi, le intercettazioni ambientali e telefoniche, disposte dalla Procura, portavano gli inquirenti sempre più vicini alle due donne che, non sapendo di essere intercettate, parlavano liberamente, facendo ipotesi e snocciolando particolari mai apparsi sugli organi di informazione. Si è trattato di un’indagine complessa e difficile, che però si è risolta brillantemente, con l’arresto delle due donne.

Il giallo della morte di Giuseppe Berni è stato risolto. In molti hanno tirato un sospiro di sollievo. Molti altri, però, sono sconvolti. Per il modo in cui, per ottenere soldi facili, una donna non si sia fatta alcuno scrupolo a compiere un gesto del genere, che ha portato alla morte di una persona. E perché, dramma nel dramma, è una donna di questi luoghi, che abita in un piccolo paese dell’Alta Valceno, Fornolo, vicino a Chiesiola, nel comune di Bedonia e che, ancora prima, con il compagno, borgotarese, ha vissuto nel capoluogo della Valtaro. Attualmente i due abitavano in una casa fatiscente, di proprietà di un uomo, residente a Tarsogno; una fabbricato senza acqua, né luce. Qui, un paese di 10 case circa, con 6 abitanti, tutti li conoscevano.  

Per maggiori dettagli guarda il tg dell’11/03/2013

| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papÓ Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pi¨ occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole Ŕ assente Ú sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto