CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Bruschi Funghi: a rischio il porcino IGP?

Bruschi Funghi: a rischio il porcino IGP?

20 Ott 2011

L'azienda è sempre più in cirsi

La "Bruschi Funghi" di Borgotaro, in piena crisi. I lavoratori in stato di sciopero ad oltranza, la produzione ferma, per protestare contro l'annunciato licenziamento di 6 dipendenti, da parte della proprietà, in un estremo e disperato tentativo di salvataggio.120 anni di storia, 120 anni di un marchio unico, che hanno fatto conoscere Borgotaro e la storica qualità gastronomica del fungo porcino in tutto il mondo, tra poche ore, potrebbero essere spazzati via. Un mercato nazionale del fungo conservato in contrazione, la concorrenza globale sempre più agguerrita, la miopia dei ritardi nella difesa normativa dei nostri prodotti migliori, frutto della trasformazione dei prodotti IGP freschi, la mancanza di sinergie tra aziende di trasformazione, stanno mettendo in ginocchio il mercato, soprattutto locale. La redditività crolla, i rischi imprenditoriali si stanno trasformando in una specie di suicidio.Dal fungo conservato, secco e sott'olio, sembrano scappare tutti; tutti i maggiori "produttori" e trasformatori italiani, in mancanza anche di una normativa di protezione, sembrano preferire direttamente il decentramento produttivo, prossimo ai luoghi di raccolta massificata, spesso individuato nei paesi dell'est europeo, dove la manodopera si trova a poco, dove la materia prima, visto clima e ambiente, non manca mai.  La crisi di un sistema, di una filiera produttiva purtroppo ancora polverizzata, quella del fungo porcino IGP; che, nonostante la qualità assoluta di un prodotto superiore, espresso da un territorio unico a livello globale, dopo anni di proclami e di iniziative teoriche, alla fine evidentemente poco efficaci, sta dimostrando tutta la sua debolezza, tutta la sua vulnerabilità. Altre zone italiane, imparando anche dalla Valtaro, stanno agendo diversamente: in tanti hanno chiesto il riconoscimento del marchio IGP per i loro funghi, per i loro prodotti spontanei; come nel caso del Trentino che sta investendo decine di milioni di euro, in abbinamento con altre filiere agroindustriali vincenti, come per alcune zone del Veneto, dove si pensa alla produzione sinergica in serra di altre varietà micologiche; o del centro Italia, dove il fungo é unito alla castagna e ai prodotti del sottobosco. Zone che sono rallentate nella loro rincorsa solo dalla solita lentezza romana nel legiferare.Gli ultimi 12 dipendenti della storica azienda, come gli assediati di un forte isolato, con loro la proprietà, dopo anni di tribolazioni, di sacrifici, di promesse disilluse, sono di fronte, da una parte, ad una decisione di ridimensionamento e, dall'altra, ad una scelta tragica: accettare il licenziamento di 6 unità, nel tentativo di salvare l'ultimo nucleo aziendale strutturato. Senza oltretutto troppe garanzie di riuscire a mantenerlo in Valtaro.  
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papÓ Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pi¨ occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole Ŕ assente Ú sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto