CONSIGLI PER GLI ACQUISTI



Fincuoghi: "salveremo tuti i posti di lavoro"

Fincuoghi: "salveremo tuti i posti di lavoro"

17 Mar 2011

Le istituzioni al lavoro: è una corsa contro il tempo

“Restiamo in campo, non molliamo assolutamente la presa. Siamo uniti, tutti, per cercare di percorrere ogni posibilità insieme ai lavoratori: non li andoniamo da soli in questa situazione.”. Lo ha detto, con decisione, il presidente della Provincia di Parma, Vincenzo Bernazzoli, nel corso della conferenza stampa che ha seguito il tavolo istituzionale sulla Fincuoghi ieri in Provincia. La riunione era stata convocata d’urgenza, alla luce della decisione negativa del Tribunale di Modena sul concordato: una sentenza arrivata come una doccia fredda, anche perché la proposta per salvare la storica azienda di ceramiche presentata nei giorni scorsi sembrava essere la strada giusta per porre fine a una crisi partita a fine 2008 e caratterizzata da numeri imponenti: ad oggi i lavoratori a rischio nei due stabilimenti di Borgotaro e Bedonia sono quasi 300. Quella proposta, partita dal territorio e coordinata dalle istituzioni, si fondava su un investimento di 20 milioni di euro: circa metà a carico di Soprip e l’altra metà a carico di un nuovo investitore, Powergres Spa, azienda del comparto delle ceramiche di Sassuolo, che aveva fondato ad hoc la Bedoniagres. A quel “piano” avevano lavorato in tanti: Regione, Provincia, Comunità montana, i cinque Comuni delle Terre alte, i soci di Soprip, il nuovo imprenditore, alcuni istituti di credito. Ora dunque la doccia fredda con il pronunciamento del Tribunale di Modena, le cui motivazioni si conosceranno quando la sentenza sarà depositata. “Non ci aspettavamo un esito negativo sul concordato: rispettiamo le decisioni della magistratura e ripartiamo da questa situazione – ha detto Bernazzoli - che sostanzialmente ci ha riportato al quadro antecedente la procedura”. Diversi i filoni lungo i quali ci si muoverà. Primo: “Garantire che i lavoratori non rimarranno scoperti nemmeno per un giorno sul fronte degli ammortizzatori sociali: questo è l’impegno che ci siamo presi, e su questo faremo un incontro venerdì in Regione”. Secondo: “Non vogliamo che il grande lavoro che è stato fatto da tutti vada disperso: stiamo in campo e cerchiamo di metterlo a frutto al meglio. Su Bedonia con uno sforzo enorme abbiamo costruito una proposta importante, unica in Italia, che non vogliamo far cadere. Per questo – ha continuato Bernazzoli - già da domani ci impegneremo su tre livelli di verifiche: una verifica con la proprietà perché ci sia la disponibilità a mettere disposizione di Soprip e di Bedoniagres le strutture al più presto, per riattivare e continuare l’attività produttiva su Bedonia; una verifica delle garanzie legali; una verifica sul fotovoltaico, perché il progetto presentato da Soprip si fonda molto sul fotovoltaico e il decreto che ha tolto gli incentivi senz’altro pesa”. L’attenzione è anche ovviamente su Borgotaro. Ci si muove su due binari paralleli. “Da un lato abbiamo appreso che nella procedura di concordato sono state depositate anche altre due proposte irrevocabili d’acquisto, di due società di livello internazionale, una turca, una italiana, cui s’aggiunge una manifestazione d’interesse da parte di us terza azienda: oggi sappiamo che queste tre società stanno lavorando per presentare una nuova proposta di concordato. In parallelo – ha detto ancora il presidente della Provincia - noi chiederemo la loro disponibilità ad un incontro per verificare se riusciamo a costruire anche con loro una prospettiva per Borgotaro. Sono due cose diverse; noi vogliamo che le verifiche possano procedere in contemporanea per capire se una di queste due strade, come ci auguriamo, possiamo portarla a buon fine, per dare garanzie occupazionali a lavoratori che oggi sono in forte apprensione”. Al tavolo hanno partecipato il vice presidente della Provincia Pier Luigi Ferrari, l’assessore alle Politiche del lavoro Manuela Amoretti, i sindaci dei Comuni di Albareto, Borgotaro, Bedonia, Tornolo, Compiano, il presidente della Comunità montana delle Valli del Taro e del Ceno Luigi Bassi, i rappresentanti dei sindacati e delle Rsu aziendali, il presidente di Soprip Alessandro Cardinali, le rappresentanze dell’azienda e di Powergres. Al termine dell’incontro il presiedente Bernazzoli è partito alla volta di Borgotaro per incontrare i lavoratori della Fincuoghi, visibilmente  amareggiati e delusi,per i quali, da ieri, è iniziat ala cassa integrazione per 52 settimane.   Si cerca di concludere l’operazione di salvataggio. Il problema però, può sorgere se uno dei tanti creditori deciderà di chiedere il fallimento dell’azienda.
| | altro

RADIO TELE APPENNINO PARMA S.R.L.

P.Iva 01546800341
N REA: 161859
CAPITALE SOCIALE : € 10.000,00
Posta elettronica: info@videotaro.it

Direttore responsabile: Claudio Bertani

Redattore capo: Roberta Maggioni

Collaboratori: Pier Luigi Previ, Stefano Berni, Salvatore Pizzo, Silvia Calici, Emanuele Berni

Tel. +39 0525 990356
Fax +39 0525 990800
E-mail: info@videotaro.it

ULTIMI COMMENTI FATTI


John Sabini - Parma (07.10.17)
Cosa serve il sindaco di Borgotaro? E un grande oratore, ma quando ha finito di parlare la gente si chiede," Cosa ha detto"??? Mi chiedo," Quanti sindaci ci sono con il coraggio di Luigi Lucchi di Berceto in Italia? molto pochi". E' il Coraggio che fa' un vero uomo, non le chiacchiere come il sindaco a Borgotaro

Patrizia brogati - Borgo val di taro (31.10.16)
Buona sera volevo ringraziare RTA per le condoglianze al mio papā Brigati Luigi , grazie di cuore

John Sabini - Parma (16.01.16)
BERNI: Vattene tu e le tue chiacchiere. Ci ricordiamo del SIC

lorenzo delnevo - borgotaro (23.02.15)
Gentili collaboratori di videotaro
Nel novembre scorso vi avevo segnalato il mancato rispetto del divieto di attraversare i binari che in pių occasioni ho avuto modo di constatare alla stazione del nostro capoluogo.vedo che nessuno ha raccolto la segnalazione.chi deve far rispettare le regole č assente é sordo o cos altro?


john Sabini - Parma (18.12.14)
CARO SINDACO LUIGI LUCCHI: NOI TI AMIAMO E TI SOPORTIAMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE . Dispiace che viviamo in un paese dove la maggioranza e' rasegnata e senza spina d'orsale. Dispiace vederti a portare Avanti una battalia per migliorare L'Italia quasi tutto da solo. Dove sono gli altri sindaci???, tremano dalla paura??? L'ITALIA potra' migliorare solo con l'onesta'. Ci sono 4 criminalita' organizate in Italia, CAMORA, NDRANGETA, MAFIA E IL PD (PD), e noi continuamente li votiamo... Per 3 anni, ormai sto' seguendo sull'internet il M5S in PARLAMENTO E IN SENATO, e non ce' dubbio. RIMANE SOLO IL M5S SE VOGLIAMO UN PAESE MIGLIORE E ONESTO. Caro Sindaco LUCCHI: Grazie del tuo coraggio... A VOI ITALIANI: LI AVETE PRESI I 80 EURO??? ADESSO PAGATELI DA UNALTRA PARTE fools...

© 2010 RTA Tutti i diritti riservati | link utili | Note legali e condizioni di utilizzo | Tag : Diretta TV | By Web Progetto